Primo amore. È quel sentimento unico che si preserva dal logorio del tempo

Primo amore. È quel sentimento unico che si preserva dal logorio del tempo

Il primo amore è fatto di elementi rari, stretti insieme da condizioni pressoché irripetibili.

Il primo di questi elementi è l’onnipotenza del giovane che crede di potere tutto.

Primo amore. I primi amori e le prime delusioni sono fatti di elementi rari, stretti insieme da condizioni pressoché irripetibili.

Il primo di questi elementi è l’onnipotenza del giovane che crede di potere tutto, che percepisce una vita priva di ostacoli, composta solo da unicità e da possibilità, il secondo ingrediente è invece la potenza di una novità così bella come l’amore, capace di volgere a sé l’onnipotenza giovanile e, unendosi a essa, di farsi credere eterno, unico e irripetibile.

La sacralizzazione che abbiamo per il nostro primo amore si basa sulla vertigine che proviamo nel ricordarli: davanti agli occhi abbiamo tutti la luce di una potenza indiscussa, priva di zone d’ombra, priva di impedimenti e del tutto spontanea.

Alcuni di noi hanno invece il ricordo di una delusione tanto bruciante da averli fatti cambiare; sono così tante le persone che, riferendosi al dolore provato per la perdita del loro primo amore, ripetono frasi come “Prima ero così, dopo sono cambiato e ho capito che…”.

Quelle relazioni sono state uno dei perni sui quali la nostra storia ha cambiato direzione, ha cambiato consapevolezza.

La vita cambia e il modo di approcciarsi alle relazioni cambia insieme a essa: il sentimento che ricordiamo è qualcosa che un tempo ci è appartenuto, una parte della nostra memoria, di ciò che un tempo siamo stati.

Sono ricordi che si preservano anche dal logorio del tempo, come se fossero stati fissati su una tela da una vernice protettiva, che li protegge e che ne tiene vivi i colori.

Rispondi